Etruria, Autunno

Oh mio eucalipto soave
Che il tuo balsamo
per le strade qui effondi
Come se tra le tue foglie
Sussurrar di soffi udissi
Baci di sale soffi marini
Fruscia il silenzio tra gli aghi di pini
Pini poi alti che s’ergono al ciel
Pini e pineta profumano il mare
Le dune s’incorrono e l’onde pioggiasche
Piove la spuma in mar si frantuma
Frantuma e s’infrange su scoglio antracite
La nuvola grigia il re astro trafigge
Con spada di luce
Spalanca il sipario
Le porte d’autunno separa l’effigie.

Farina di sabbia è lava di grano
Di grano carbone, nero il legname
È il nero più nero,
Quel ch’è stato incendiato
E su carta di legno scrive il legno bruciato
Disegna e ricorda nel tratto suo arcano
I trascorsi passaggi da germoglio a ramo,
È corteccia marina
Piegata dai venti
di tormenta imbevuti
E di brezza ubriachi

D’acqua sapida infatti è fatto il liquore
Dell’antico etrusco
Che con sete immensa fu navigatore.

E il giglio di mare che radica in sabbia
Di tempra e coraggio
Tempesta non teme
E ancora la sabbia primordia
Quaggiù

È polvere brilla
Riflessa di blu
Terra di siena
Terra bruciata
Bruciata d’azzurro d’indaco fu
La volta m’incombe
Il vapore è cotone
La nuvola dolce
Di zucchero è bianca
Di grigio disseta

Poi oltre è profondo
Il viola lì è vasto
Laggiù all’orizzonte
Dove il sole è uno sprazzo
Che fulmina il buio
E d’oro colora
Una lingua di mare
Che scheggia e affiora.

Aurora V. W.

Inno a questa notte e a questa tempesta

Perchè la notte porta con sè la follia, i sogni e la malinconia.

Porta con sè l’emozione di un giorno non vissuto, del dolore mai pianto e del terrore ingabbiato.

Porta con sè la mia notte un’esplosion di incertezze, di paure urlate e violente amarezze.

Io notte da te fuggir non voglio più, ma incatenarmi e sprofondare. Dalle tue sabbie mobili voglio farmi risucchiare.

Ordine e misura in te notte son uccisi, l’istinto sovrano governa l’azione.

Pulsazioni di vita son di notte padrone, inghiottimi vita, notturno fragore.

«Oh tu notte mi hai catturato

Nella tua tela m’hai ingabbiato

Voglio urlare, come nessuno sentisse

Urlare e creare.

Oh mia notte mi hai qui fucilato,

non riesco più a dormire

non riesco più ad esser l’ombra dell’amore

cos’è amore quando poi si materializza?

E’ assenza il vero sentimento,

di perdita sa il vero mio tormento,

e’ forse l’idea che fa di sè innamorare

è immaginare che fa desiderare

è non avere che porta a bramare

è non potere che sprona ad andare

è l’impossibile che spinge aldilà

è il pensiero che sovrasta il vero.

In me è così che vive l’emozione

In me è così che nasce il sentimento

In me la nostalgia è come acqua nel deserto

La tristezza poesia

La disperazione la più alta compagnia.

Quando meno sola mi sento

È quando le tre m’assalgon d’un tratto

Quando divoran in me di luce ogni sprazzo

Di gioia ogni schiamazzo

Quando l’estate rigetto

E la pioggia, il grigio non più mi è stretto

Chiedo anzi ancor più tremore

Ancor più di quell’immane terrore

Chiedo che il fulmine più forte mi abbatta

Che coperto quel cielo

Da grigio si faccia ora nero

Che l’aria pesante

Di rabbia stracolma

Rilasci su me la sua ira feconda!

Chiedo che il tuono annienti il mio giorno

Che il buio battezzi un mio nuovo ritorno

Chiedo che la tempesta

non tenda a esitare

Nè riconosca in me

la sua figlia da amare.

Che in un sol colpo

Mi faccia volare

Che l’ombra mi avvolga

E fertili renda

le mie mani

la mia voce

il mio cuore.

Che dal novembre infinito

 di questo invernale maggio

Primavera nasca

di creazione e coraggio

Che il mio tormento, io chiedo

Dal creator mi venga mandato

E che in ogni goccia

Di mia lacrima e pioggia

Un bocciol d’arte sia in me generato

Aurora V. W.