Vivere senza tempo

E’ strano come ogni cosa ci appaia diversa, grazie ad anche soltanto una piccola esperienza che ci illumini il presente.

Come tante volte si ricevano risposte a domande antiche, proprie, ancestrali, quando ormai pensiamo che quasi non ce ne importi piu’. Quelle domande  che erano dell’infanzia, domande dei tempi perduti, ma invece no: noi siamo sempre cio’ che siamo stati, alla fine e’ solo un po’ di tempo che ci attraversa e che pian piano ci cresce e ci invecchia. Alla fine no, siamo sempre noi.

Semmai dovremmo solamente conservare di più quel passato incontaminato che riesce ad osservare con gli occhi della meraviglia. E ho pensato che serve vivere il tempo senza tempo, la vita senza coscienza, l’alba come nuovo pulito cielo dalla pioggia rischiarato. E che è nel tempo senza tempo, nel tempo senza ora, senza inizio e senza fine, che la vita, essenzialmente e veramente, si compie.

Nel confuso organizzar di scadenze, impegni e orari, il tempo ci domina, e ci sembra correr via senza ritorno. Avete mai pensato, se non conoscessimo orari e lancette, quanto ci interesserebbe il valore del tempo, della durata di un’azione? Finisco per pensare che vivendo incessantemente, seguendo semplicemente la vita che in noi scorre, un orologio non servirebbe. Abbiamo gia’ tutto cio’ che ci occorre. Le scadenze il sole, le stagioni e i cicli della natura, che così perfettamente hanno dettato la nostra vita per ere.

Ah questo tempo maledetto! Ah se avessi più tempo! Ah non c’è più tempo!

Perchè non poter vivere per vivere? Perchè non abbandonarsi, lasciarsi guidare, fidarsi? Perchè?

Era nella natura sua interna di compromettere ogni abbandono, ogni fluire, ogni andare, ma comprendeva di non poter proseguire, così facendo.

E pensò che sì, era nell’intimo scorrere di sè stessa, che avrebbe scovato il segreto, la risposta alla domanda di sempre, al tormento di sempre, allo squilibrio di sempre.

Ciò che era, ciò le rispondeva. Ciò per cui era nata e la natura l’aveva creata, che sempre aveva amato e veduto come il più alto dei compimenti che avrebbe potuto raggiungere. Ma tanto rumore, tanta confusione, tanto vociare avevan rapito, mascherato e nascosto ogni più vera natura. Ma era un frutto acerbo, che avrebbe necessitato tempo e tempo per maturare. E lo accettò.

A nulla serviva navigare contro sè stessa, se non ad inevitabilmente affogare. A nulla serviva urlarsi addosso, strapparsi dalle viscere il dolore e scappare, scappare, scappare. Doveva oltrepassarsi, accettare il tempo su di sè, la vita su di sè, l’incombere su di sè.

In sabbie mobili sarebbe sommersa, cristallizzata nella sua forma perfetta, ma congelata per sempre nel non voler proseguire.

Soltanto amando ciò che diventava, accettando ciò che era, il tempo l’avrebbe risparmiata. E guardandosi indietro, in realtà capì che non c’era nè un prima nè un dopo, ma soltanto un eterno andare e continuare, un eterno sempre che soltanto la sua mente spezzettava e frammentava. E nel frammentar la sua vita, le pareva che il tempo la divorasse appieno.

Ah questo tempo maledetto! Ah se avessi più tempo! Ah non c’è più tempo!

E giorni e giorni aveva vissuto divincolandosi in quella morsa fatale, sempre più stretta, sempre più forte. E ore e ore di pena e disperazione, che già ben conosceva, ma che sperava un giorno poter dimenticare.

Doveva smetterla di rincorrere il tempo. Di temere di non essere più sè stessa. Quelle dolorose tappe doveva ora oltrepassare. O nel vortice risucchiata sarebbe finita. Per sempre.

E allora sì, avrebbe lottato, scalato e vinto. Così si era detta. Che il tempo sia! Che il tempo di vivere sia! Di andare, proseguire, diventare.

Così sia!

Aurora V. W.